martedì 31 marzo 2015

Nightrage: "The Puritan" review

Nightrage: "The Puritan"

Out on 7th of April
Label: Despotz Records

Marios Iliopoulos: Guitar
Ronnie Nyman: Vocals
Anders Hammer: Bass

01. The Puritan
02. With A Blade Of A Knife
03. Desperate Vows
04. Endless Night
05. Foul Vile Life
06. Stare Into Infinity
07. Lone Lake (Instrumental)
08. Son of Sorrow
09. When Gold Turns To Rust
10. Fathomless
11. Kiss Of A Sycophant

Gli dei del Baltico.

La firma con una nuova etichetta (Despotz Records) può dare quella scossa che ci si aspettava da tempo. A distanza di 15 anni dalla loro formazione i Nightrage, con una bella sterzata alla loro carriera, tornano più informa che mai con il sesto album - registrato ai Productions Studios di Uppsala - e c’è da giurare che sarà accolto come un piacevole ritorno alle origini.

La nuova voce Ronnie Nyman (al posto di Antony Hämäläinen e di Jimmie Strimell reclutato per il tour in Giappone), assieme al chitarrista e fondatore Marios Iliopoulos, come moderni Dante e Virgilio ci accompagnano in un viaggio introspettivo all'interno della nostra anima, tra tumultuose basi death metal veloci e chitarre power che si propagano per tutte le undici tracce intervallate da meravigliosi spunti classici di death melodico dei migliori Dark Tranquilly di "The Gallery".

Un mix perfetto di armonia ed aggressività, un equilibrio, quello tra il nuovo cantante ed il vecchio chitarrista, che va ben oltre le più rosee aspettative e senza il quale questo viaggio non si sarebbe mai compiuto.

Se l’arricchimento tecnico ha raggiunto il livello massimo con un artista sbalorditivo come Nyman, non da meno è stata la scelta di Daniel Bergstrand alla produzione (Meshuggah, Dimmu Borgir), cosi come la collaborazione di Gus G nel songwriting, ad entrambi il merito di registi e sceneggiatori di questo incredibile percorso.

Rispetto agli album precedenti, la fusione tra due realtà completamente diverse come la Grecia e la Svezia hanno aggiunto valore riuscendo ad andare oltre la semplice catalogazione di un genere.

Quello che abbiamo tra le mani è un album completo che troverà spazio in moltissime anime disposte ad intraprendere questo viaggio fino ala fine, anche se non vi è certezza del ritorno.


lunedì 30 marzo 2015


Hi guys, welcome to our Webzine! We are very pleased and honoured to have the chance to talk about music with you, since it's been almost 15 years Von Hertzen Brothers have been enriching the Finnish rock scene with their unique and precious sound.

Les Fleurs du Mal: Let's start talking about your forth-coming album called "New Day Rising" that's going to be released in March: what's for you this new day rising? Why did you chose this title? 
M: When we started planning this album, the band was at a crossroads. There were two possibilities; whether to do things the same as before or even tone it down a little bit or go big. We took a step and thus we feel that this is somewhat of a new start for us. As a band.

LFdM: Could you explain us also the meaning of the artwork on the album cover? It is pretty evocative: the eagles, the chains and that bright light...
M: Samuli Heimonen who painted the cover of our last album as well has become a good friend of ours and he is an artist we respect tremendously. We visited his workshop and brainstormed about the theme of the painting and the album. By that time we had some lyrics already thought for the album and seeing one of his new paintings, something clicked. The cover can be said to be the fruit of teamwork, since Samuli and Kie from our end, were trying out different things together. What you see is the end product of a long process.

LFdM: I saw you've just released the title track video. Tell us something about the location, it's such a beautiful landscape, where did you shoot it?
M: Kie spent three weeks going through locations around Helsinki. Our partners and labels abroad thought we needed a simple video for the first single and thus the importance of the location became even more  evident. It is a Unesco World Heritage spot called Suomenlinna (The Finnish Fort) and one of the most visited sights in Helsinki by tourists. This time of the year, hardly anyone was there so it was perfect to shoot. Even though we froze our asses off. As usual.

LFdM: Is there a track of this new album you love the most for some particular reason and why? And are there songs which work better played live?
M: Every single song that makes its way to one of our albums is dear to us. They are all different and have their own right to be there on the album. It’s hard to say which ones work better live since by now, we have played them only once live. The tour starts in a couple of weeks, so then we’ll know.

LFdM: Now it's time for some anticipations for our readers: what song is gonna be the next single and why? I would love a video of "Trouble" or "Hold Me Up", but if it is such a hard choice for me, I can imagine for you...
M: Haha. We’ll your guess ain’t too far from the truth there…

LFdM: If you could summarize in few words your career until now, album after album, what would you say about your artistic and personal growth since Experience's release? Would you define this album as your best one? If so, can you explain us the reasons why?
M: Well, it would take pages to summarize it properly and most probably we’ll share our thoughts about the whole trip in a book form in the future, but I guess you could compare it with running a marathon. The first part is easy and fun and then it gets tougher and tougher. But more rewarding at the same time.

LFdM: Don't get me wrong, I am one of those who agree with Warhol when he said that labels are good just for cans of beans, but if there was a way to define your music, how would you describe it? What section of the rock encyclopedia do you think we shall go to find you? Wikipedia refers to your music as "classic rock combined with progressive elements, folk, punk and contemporary rock" and I would add some hints of psychedelic taste too; what do you think about that?
M: We’ve been asked this many times and it’s just utterly impossible to pigeon-hole this band. The reason is that there are three brothers with a little bit different tastes in music that share a very broad minded approach to how to express songs. We tend to just say that we are a rock band. Maybe an “epic” rock band. And to answer your other question: sure, there are some psychedelia there as well.

LFdM: Now a bit of throwback: I confess I totally love "Flowers And Rust" from "Nine Lives". The title immediately made me think to Joan Baez "Diamonds and Rust", but I don't know if you have been somewhat influenced by this song or if there is just some similarities in the titlles.
M: Thanks. I didn’t recall thinking about Joan Baez when writing it. The idea of the song was just to write a song about somebody who has all the possibilities to thrive but fails to do so.

LFdM: In general where do you find inspiration from? Personal experiences, dream world or just from everyday life, from reality itself, but seen through the special lens of the artist?
M: Most of it stems from the spiritual process I am or we are experiencing in our lives. Sometimes things pop up in my dreams or in my meditation or even just seeing a great movie or an exhibition can  gun-start the process. It’s hardly ever the same thing twice. Also if I hear a great chorus or a line somewhere I tend to make an imprint in my mind of it and maybe later I try it out with a piano or a guitar. But this rarely happens. I don’t listen to music much these days.

LFdM: How does the songwriting process work in this band? Is it something you share alltogether? Why do you prefer singing in English?
M: The three of us first plunge into writing process separately. When the first demo is ready it’s shared to the other brothers. Then slowly we start going through the song and what are the good things about it. Together we comment on each song and try to think how to make it better. When all the three of us are happy, we take the song to Kaakkuri and Juha, who will learn the songs with us. Then we still play around a bit before finalising the arrangement. We sing in English because that’s the language that we feel most comfortable with.

LFdM: And now some questions for the brothers Kie, Mikko and Jonne: on a more personal level, how is it having the chance to work in a sort of family company? Rock music has given us the idea brothers don't get along that great when it comes to music business, a clear example are the Gallagher brothers. But since I have not the same impression about you, I dare to ask: how is it playing in the same band for the three of you, is it more like sharing a common dream you always wanted to realize? 
M: True, usually siblings fight more with each other because there is a certain lack of ‘modesty’ in famliy-relations. We have tried to turn our brotherhood into a positive thing, a source of strength and togetherness.  Occasionally, we might be blunt with each other, but more often we try to be considerate and easy-going.

LFdM: Would you like to tell us the main differences between playing in Von Hertzen Brothers and playing in other bands you all have been previously members of?
M: well, that’s an easy one. I played drums with my previous bands. In this one I sing and play the guitar. Also I feel that the amount of ambition is way more in this band than in the previous ones.

LFdM: I found out you were born and have been raised surrounded by music. Is that right? I also read your father and your uncle are or were both musicians. So, it's like you couldn't really choose to become something else, you were "doomed" to become the wonderful and talented singers, musicians and songwriters you are. Do you agree?
M: Yes, We were doomed. It’s not our fault. Especially if you don’t like us.

LFdM: Do Mikko Kaakkuriniemi and Juha Kuoppala feel like sort of your brothers by a different mother? How is for them sharing this experience with the three of you?
M: This is a tight group and it’s definitely a five-piece when it comes to music. In all the other matters, which are plenty, we are a four-piece. Us three brothers and our Manager, Virpi Immonen.

LFdM: I have to say I really apppeciate all the refrains of your songs, since I tend to fall in love with the chorus and you have these amazing voices mixing together so perfectly. Unfortunately I had the chance to see some of your live performances just thanks to some amateurs videos on youtube, but despite this the chorus never disappointed me. How do you manage to be so good even when you are not in the studio? I mean it seems there are dozens of people singing, instead that amazing sound comes from just 3 or 5 elements...
M: Well, what can I say. Thanks and you’re right: We are geniouses. Haha.

LFdM: I read you've been on tour in the UK with The Wildhearts. I find Ginger is one of the most incredible music genius of the last 2 decades. How was it touring with his band?
M: Right again, Ginger is an amazing talent and a very unique person. Just the other day he wrote me how he loves my songwriting. This, coming from the maestro himself, feels pretty good!

LFdM: Always referring to Ginger, I think your styles have something in common. The songs by both of you are not that easily predictable, as it happens usually with other bands. You both tend to use unconventional changes of tune, even in the same song and to play uncommon kinds of instruments. Aren't you afraid this could become a sort of double-edged sword when it comes to reach a wider appreciation of your music?
M: Sure, we’ve heard a long time that our music is “too difficult”, but that’s just bollocks if you ask me. To me the biggest experiences in music are always unpredictable and surprising. We found our music very simple and easily approachable but clearly we are somewhat deluded and not objective about it. There are simple songs on our records as well. But sometimes the songs just require some building up and twists and turns, if you know what I mean? 

LFdM: Well guys, thank you so much once again for this interview and for your time, so just one last question, since our readers are very eager to know it: do you think it could be possible to see you performing all over Europe (Italy included) one day? I keep my fingers crossed and hope to see you soon live onstage
M: You were asking about our dreams… well, honestly, if there was one dream that we share as a band, it’s that we would be able to tour more and play to all of our fans around the world. I really hope an opportunity will arise to play in Italy and the rest of main land Europe this year.

Margherita Realmonte (Meg)
Pictures by Ville Akseli Juurikkala
Our review HERE

Mikko von Hertzen - voc, guit 
Kie von Hertzen - guit, voc 
Jonne von Hertzen - bass, voc 
Mikko Kaakkuriniemi - drs 
Juha Kuoppala - keys

Official Site
Facebook Page

MESSENGER - Captain's Loot Review

Captain's Loot

LabelMassacre Records

Release: 27 Marzo 2015

01. Sign Of The Evil Master
02. Tod Dem DJ
03. Asylum XTC
04. Kill The King (Rainbow cover)
05. Port Royal (Running Wild cover)
06. Black Bone Song (Zed Yago cover)
07. Dr. Stein (Helloween cover)
08. Don’t Talk To Strangers (Dio cover)

Dopo la pubblicazione di Starwolf Pt. I, avvenuta nel 2013, i Messenger sono tornati e questa volta lo fanno con un album che è un mix tra cover e tre pezzi originali, in puro stile Messenger, ovvero a metà strada tra heavy metal e power metal.

In Captain's Loot si può trovare davvero di tutto, nessuno verrà certo deluso dall'ascolto di un album che mescola alla perfezione riff pieni di pathos e cori decisamente enfatici, il tutto al servizio di melodie davvero molto orecchiabili sulle quali si inseriscono chitarre al limite del virtuosismo tecnico che fa da corollario alla particolarissima voce di Francis Blake, capace di far vibrare le sue corde vocali arrivano a sfiorare le quattro ottave, esplodendo così nelle menti degli amanti del genere.

L'album si apre con un inedito, "Sign of the Evil Master", brano che mette subito in chiaro quanto appena detto, sfoggiando tecnica ed ispirazione da non sottovalutare, irrompendo con il suo ritmo cadenzato che fin da subito spinge a muoversi per tenere il suo passo. Si prosegue poi con "Tod dem DJ" e "Asylum XTC", anch'essi pezzi originali che mettono in risalto tutte le qualità della band, capace di dare ampio spazio - e in egual misura - sia alle chitarre, che al basso e alla batteria, sempre però puntando moltissimo sulla voce, che è davvero un piccolo gioiello.

Le successive cinque tracce possono essere viste come un vero e proprio omaggio a band e grandi personaggi che hanno fatto la storia della musica. Di sicuro è un ottimo modo per chinare la testa davanti a chi ha saputo dare tanto a questo mondo, ma non per questo i Messengers si sono limitati ad una mera riproduzione dei pezzi in questione: tutto è riletto in chiave originale, nuova e l'interpretazione che danno dei brani è sia uno sguardo verso il passato, ma anche un'apertura non indifferente verso il futuro.

Il disco è un prodotto apprezzabile, di sicuro i fan non resteranno delusi dai loro idoli. Gli inediti sono energici, grintosi, non sfigurano al confronto con gli ottimi arrangiamenti fatti sulle cover, perciò questo è un album da non perdere anche se, certamente, resta sempre la curiosità di sentire qualcosa di nuovo.

Siamo sicure che non ci deluderanno, ma nel frattempo possiamo reputarci soddisfatte di questo ascolto.



Francis Blake – Vocals
Chainmaster – Lead Guitar
Pyro Jack – Rhythm Guitar
Dr. H.R. Strauss – Bass
Merlin – Drums


venerdì 27 marzo 2015

NIGHTWISH - Endless Forms Most Beautiful


Label: Nuclear Blast
Release: 27 Marzo (EU)
              30 Marzo (UK)
              31 Marzo (Rest of World)

01. Shudder Before The Beautiful
02. Weak Fantasy
03. Élan
04. Yours Is An Empty Hope
05. Our Decades In the Sun
06. My Walden
07. Endless Forms Most Beautiful
08. Edema Ruh
09. Alpenglow
10. The Eyes Of Sharbat Gula
11. The Greatest Show On Earth

Quando Tuomas Holopainen ha dichiarato che i Nightwish sarebbero tornati alle origini con questo nuovo album, molti si aspettavano che, con Floor Jansen dietro il microfono, la band avrebbe ripercorso le gloriose orme del passato senza cercare nulla di nuovo, sfruttando la voce della loro cantante solo ed unicamente per rispolverare una storia ormai lontana che, di certo, ha fatto la sua epoca.

Non si è tenuto conto di una cosa, la più importante: difficilmente i Nightwish si ripetono e il leader della band di Kitee, che sa davvero molto bene cosa vuol dire creare con la musica, non si è certo accontentato di uno sguardo al suo passato per questo disco. Doveva stupire. E lo ha fatto in grande stile, quello che ormai gli è proprio e lo caratterizzata, dimostrando per l'ennesima volta di saper utilizzare al massimo le potenzialità dei membri della sua band, permettendo a Floor di stupirci, magari perfino di riportarci a quel passato da molti rimpianto, ma svecchiandolo e rendendolo nuovo, attuale, qualcosa a cui nessuno avrebbe mai pensato.

Endless Forms Most Beautiful è davvero un ritorno alle origini, alle nostre. È un ripercorrere i passi della vita dalla più piccola forma esistente sulla terra fino alla più grande, in quello che è un vero e proprio show messo in atto dalla natura che, con le sue bellezze, l'immensità e la sua magnificenza ha dato alla mente e all'anima del gruppo linfa vitale alla quale attingere per creare qualcosa che è certamente inaspettato. E bellissimo.

The deepest solace lies in understanding
This ancient unseen stream
A shudder before the beautiful 

È la voce di Dawkins ad aprire le danze prima ancora della musica incisiva di Shudder Before the Beautiful. Lui, che con il suo tono pacato tipico di un professore vecchio stampo, ci condurrà come un narratore della creazione e dell'evoluzione fornendoci spunti di riflessione, una chiave di lettura nuova ed inedita capace di arricchire di nuove sfumature un percorso non solo musicale. La canzone è tremendamente potente, con riff incisivi e una struttura molto metal perché diciamocelo, con la voce di Floor Jansen si può fare davvero di tutto e in questo disco c'è qualsiasi cosa, ogni spunto possibile ed immaginabile messo al servizio della musica e di un sogno diventato realtà. L'olandese sa il fatto suo, non fa alcuna fatica a mostrare le sue enormi doti canore lasciandosi plasmare come materia duttile dalla mente che si cela non solo dietro a questo disco ma a tutti i Nightwish, mostrandoci quante sfumature possono toccare le corde vocali.

È già a partire da Weak Fantasy che si mostra assolutamente vero questo paradigma. La voce di Floor è versatile, quasi non sembra nemmeno la stessa a cui siamo abituati con ReVamp, ma non è neppure quella della cantante che ha concluso il tour di Imaginaerum, sicuramente potente e a suo agio in ogni tipo di canzone, ma non così focalizzata, capace di arrivare dritta all'obiettivo. La canzone, dunque, è inaspettata, ma non per questo spiacevole, anzi: è un brano che apre innumerevoli possibilità, che ha un enorme potenziale e che arriva dritta al cuore, colpendolo con una certa violenza, anche grazie alla presenza graffiante di Marco Hietala che si insinua tra le note enfatizzando ulteriormente la resa finale del pezzo.

C'è da chiedersi, a questo punto, quale sia stata la genesi di Élan che, dopo l'ascolto per intero di tutto l'album, non sembra essere la canzone più incisiva tra tutte e, anzi, pare forse la meno adatta a descrivere quel processo di evoluzione al quale stiamo assistendo mentre si copie brano dopo brano. Non è certamente una brutta canzone, tutt'altro, però c'è come la sensazione che non appartenga in toto all'atmosfera che si respira in Endless Forms Most Beautiful, sicuramente orientato verso altre sonorità. Eppure offre un intermezzo piacevole ed orecchiabile, quasi una sorta di respiro fresco e gioviale in mezzo a tracce ben più potenti.

Yours is an Empty Hope è, invece, una grande protagonista tra le undici. L'attacco sembra riportare alle atmosfere di Imaginaerum, ma è subito chiaro che il tono è più aggressivo, reso estremamente epico da un'orchestra che fa di questo brano un grande pezzo da kolossal. Da sottolineare anche l'ottima prova di Kai Hahto, che prende temporaneamente il posto Jukka Nevalainen alla batteria, riuscendo comunque a conferire enfasi ed energia ai brani, dimostrandosi assolutamente a suo agio in questo ruolo di sostituto.

Ancora una volta la grande incisività e potenza di un pezzo viene dolcemente stemperata ed è il turno di Our Decades in the Sun, una ballad accorata e particolarmente sentita nella quale è l'interpretazione di Floor a farla da padrona, il tutto reso ancora più enfatico dall'aggiunta di un coro di voci bianche a cui ormai siamo abituati quando si parla di Nightwish.

Non c'è tempo per riflettere, né per star quieti perché dopo le malinconiche note del quinto pezzo, siamo nuovamente catapultati in una dimensione vivace ed energica con My Walden che ai più ricorderà I Want My Tears Back per quella sua atmosfera celtica ed epica, sicuramente adatta ad essere proposta durante i live.

Decisamente metal, Endless Forms Most Beautiful merita davvero questo titolo perché rispecchia al meglio l'obiettivo di tutto l'album e nel suo essere ricca, molto densa e anche particolarmente emozionante, entra di diritto nel podio delle canzoni qui presenti, anche grazie ad un ritornello accattivante.

Edema Ruh doveva essere il primo singolo per presentare l'album, poi scalzato da Élan. È un ottimo candidato per il ruolo di secondo singolo, con la sua orecchiabilità, il suo essere pop, per quell'anima leggera eppure sempre potente, resa ancora più incisiva dal tocco di Troy ed Emppu, entrambi grandi protagonisti non solo in questo pezzo, ma in tutto l'album.

Il disco non lascia un solo minuto di respiro, tutto si sussegue ad una grande velocità e anche le tre tracce finali non sono da meno. Alpenglow ha qualcosa che richiama Once con le sue chitarre, la sua essenza rock e quel ritornello che potrebbe far concorrenza ad Endless Forms Most Beautiful. Anche questo si conferma essere un ottimo brano che scivola lentamente nella strumentale, The Eyes of Sharbat Gula, pezzo quasi struggente, ma decisamente profondo, impreziosito da un vago sentore indiano dato da un sitar che riecheggia in lontananza, facendo parlare il pezzo con la sola voce della musica.

Una considerazione a parte la merita certamente The Greatest Show on Earth, il manifesto di questo disco che, con i suoi quasi ventiquattro minuti, riassume ed amplifica il tema centrale che pervade tutta questa mastodontica opera, che si snoda tra dolcezza, eleganza, ricordi di un mondo lontano e l'eco di ciò che è stato mescolandosi alla pura e grandiosa potenza che è la nostra tessa Terra a dare di se stessa. Le note del pianoforte ci accompagnando in quello che è un viaggio dentro alla storia del nostro pianeta, ma forse perfino della musica stessa e la voce di Floor, dapprima un sospiro che si alza dalle profondità di uno spazio lontano, melanconica e potente come solo lei sa essere, si mescola a quella di Marco che dà notevole prova di sé anche in questa ultima fatica dei Nightwish. È sicuramente una traccia per gli amanti del genere, con i suoi meravigliosi inserti classici che che rendono il pezzo molto epico, punteggiato poi dai suoni di una natura minacciosa e dallo sciabordio delle onde su cui si innesta il canto delle balene e ancora la voce di Dawkins che cita Darwin quasi a completare il cerchio, chiudendolo nell'unico modo possibile. 

È in questa traccia che si nasconde l'unicità dei Nightwish, il loro essere autoreferenziali, i soli a percorrere determinate strade, gli unici ad intraprendere un percorso forse tortuoso, magari perfino incomprensibile ai più, ma sempre coerente con la loro essenza che è davvero unica, che non è mai stata perlustrata da altri ed è per questo che hanno forte impatto sull'immaginario di tante persone, quelle capaci di cogliere questa peculiarità.

Ascoltare e sentire non sono la stessa cosa, anche se spesso ci si confonde con i termini, legandoli entrambi ad una stessa appartenenza semantica. Questo album non può essere ascoltato senza anche essere sentito nel profondo altrimenti si rischia di perderne la reale bellezza, tutti quei dettagli e quelle piccole accortezze che lo rendono davvero grandioso e maestoso. Ascoltateli tutti, captateli, afferrateli, ma non vi limitate solo a questo: sentite la musica, non solo con le orecchie, ma con ogni senso del vostro corpo e allora, forse, vi renderete conto che la bellezza si nasconde davvero nella sua ultima forma, la più compiuta, quella che questo album è riuscito a tradurre in musica, espandendo i confini ben oltre l'orizzonte visibile ed udibile.

...From so simple a beginning, endless forms most beautiful and most wonderful have been, and are being, evolved... 


(foto di Ville Akseli Juurikkala)

I Nightwish si esibiranno live in Italia il 29 Novembre presso @Unipol Arena (BO). Special guests della serata saranno Arch Enemy ed Amorphis. Qui il link all'evento. Mentre qui potrete trovare tutte le date del tour europeo.


Rock 'n Roll Arena (ROMAGNANO SESIA)  22 Marzo 2015.

Live Report e foto a cura di Michela

Calano le tenebre sul piccolo borgo di Romagnano Sesia, ancora poco abituato agli strani tipi che si aggirano per le strade ogni volta che c’è un concerto rock, come ci fa simpaticamente notare un vecchietto seduto al bar infastidito dalle note di “Welcome Home” (Sanitarium) dei Metallica che, diffondendosi nel locale, disturbano la visione dei programmi sportivi domenicali. 

Il Rock ‘n Roll Arena, diventato tra i più importanti locali rock del nord Italia ospita l’unica data italiana del Road To Extinction Tour dei Moonspell che li porterà in giro per il globo per la promozione del nuovo album Extinct, uscito lo scorso 6 marzo per Napalm Records. Ad affiancarli in questa serata i greci Septicflesh e gli italiani A Tear Beyond

Freschi di pubblicazione, è uscito infatti lo scorso 20 marzo “Maze of Antipodes”per la House of Ashes Records, i vicentini A Tear Beyond aprono le danze con eleganti giochi di luci e maschere kabuki dalle forti tinte noir.
Senza minimamente far trasparire la benché minima emozione, l'industrial goth band regala una piacevole mezz’ora, inanellando una dopo l’altra canzoni di buon livello, ricordando a tratti i tedeschi A.S.P. soprattutto nella teatralità di esecuzione di alcuni pezzi ed ipnotizzando le prime file grazie ai conturbanti occhi di ghiaccio del lead singer Claude Arcano.
Certe serate vengono maggiormente apprezzate quando ci ritroviamo a scoprire piccole realtà che fino ad allora avevi ignorato per mancanza di una attenta diffusione da parte degli addetti ai lavori.

Grazie all'impeccabile organizzazione del locale non c'è nemmeno il tempo per una sigaretta che il Cavaliere Oscuro dei Septicflesh si presenta sul palco, invitando subito il pubblico ad ammirare il suo basso. Spiros annichilisce la folla facendo salire l’adrenalina alle stelle con il suo potentissimo growl ed il sound tipico della band ateniese, il pubblico si scatena subito in un headbanging frenetico muovendosi  all’unisono tra death metal e raffinate orchestrazioni campionate, ai quali i chitarristi hanno saputo andar dietro alla perfezione. 

La serata, incentrata per metà sulle tracce contenute nell'ultimo album Titan (Season Of Mist), non poteva che concludersi con la meravigliosa e trionfale "Prometheus" consacrando i figli di Zeus alla loro immortalità.

Arriva il momento che tutti aspettavamo, Fernando Ribeiro fa il suo ingresso assieme agli altri membri, quasi a non volerne sminuire il loro ruolo, da vero gentiluomo. E' veramente difficile rimanere fermi nonostante si stia cercando di catturare qualche immagine per i posteri.

Come arcangeli degli inferi Wolfheart, Irreligious ed Extinct sono gli album dai quali i Moonspell pescano le diciotto canzoni per dimostrare tutta loro grandiosità ed i loro ventitré anni di carriera.

Nonostante siano da sempre descritti come una band decadente, i Moonspell non lo sono affatto, dimostrando con questo album che c'è ancora tempo per combatte, per non essere ingoiati dalle tenebre, come lo stesso Ribeiro ha ammesso ai nostri "registratori" poco prima.

L'aver abbandonato i riferimenti stilistici e sonori della loro terra in virtù di un suono più suadente che si sposta di qualche migliaio di chilometri verso est, attingendo alla magia della città di Istanbul parte dell'ispirazione, crea una sorta di legame intimo con il pubblico.

Non c'è spazio all'incertezza, all'algidità di qualche brano, ogni pezzo viene suonato come se fosse l'ultimo, affinché il suo ricordo rimanga impresso nelle nostre menti e se qualcuno avrà urlato più forte sulle note iniziali di "Opium" ed "Awake" sarà stato solo per la forza dell'abitudine.

I portoghesi chiudono la serata fra balli campestri e strette di mano, mentre "Wolfshade" e "Full Moon Madness" fanno calare il sipario su una notte che difficilmente dimenticheremo.

Septicflesh Setlist:
1. War in Heaven 
2. Communion 
3. Order of Dracul
4. A Great Mass of Death 
5. Pyramid God 
6. Titan 
7. Prototype 
8. The Vampire from Nazareth 
9. Lovecraft's Death 
10. Anubis 
11. Prometheus

Moonspell Setlist:
1. La Baphomette
2. Breathe (Until We Are No More)
3. Extinct 
4. Night Eternal 
5. Opium 
6. Awake! 
7. The Last of Us 
8. Medusalem 
9. Funeral Bloom 
10. ...of Dream and Drama (Midnight Ride) 
11. Malignia 
12. The Future Is Dark 
13. Mephisto 
14. Vampiria 
15. Ataegina 
16. Alma Mater 
1. Encore: 
17. Wolfshade (A Werewolf Masquerade)
18. Full Moon Madness

giovedì 26 marzo 2015

DAMNATION ANGELS - The Valiant Fire Review

 The Valiant Fire Review

Release: 27 March 

1. Finding Requiem
2. Icarus Syndrome
3. This Is Who We Are
4. The Frontiersman
5. Closure
6. The Passing
7. Everlasting
8. The Fire Inside
9. Under An Ancient Sun

Quando si parla di metal sinfonico la nostra mente corre veloce verso un particolare tipo di musica, quello in cui è la voce femminile ad accentrare su di sé tutta l'attenzione, ogni più piccolo interesse, perfino le critiche o i grandi elogi spesso si focalizzano su questo particolare aspetto di questo genere, magari perfino mettendo in secondo piano tutto quanto il resto, che sia un arrangiamento da mozzare il fiato o l'uso perfetto di bassi, chitarre, tastiere e parte sinfonica.

Questa volta, però, la nostra mente e anche il nostro orecchio, soprattutto quello, verrà sconvolto da qualcosa di inaspettato perché, se è vero che il genere sinfonico è un territorio quasi esclusivamente riservato alle voci femminili, è anche altrettanto vero che esiste la proverbiale eccezione che conferma la regola sconvolgendola, per rimescolare le carte in tavola in un modo a volte inedito e assolutamente nuovo.

Sono i Damnation Angels ad offrire questa eccezione. Loro arrivano dall'Inghilterra, ma nella musica che propongono riescono a convogliare tutto il meglio della tradizione sinfonica a cui spesso ci si rifà quando si pensa a questo genere, magari andando a scomodare band mitteleuropee o scandinave. Eppure loro non hanno certo nulla in meno rispetto a gruppi che si prefissano lo stesso obiettivo, ossia unire al meglio la parte sinfonica a quella metal, cercando sempre soluzioni nuove ed accattivanti per non ripetersi mai, rinnovando di volta in volta un repertorio sempre più ricco, capace di rimanere impresso nella testa di chi tanto ama questo genere.

The Valiant Fire è un ottimo prodotto e lo è a partire dalla copertina. Molto spesso è un dettaglio che viene trascurato, messo da parte, ma anche l'occhio vuole la sua parte e con questo album non è solo l'orecchio a rimanere soddisfatto dal risultato finale, ma anche la vista.  La cover, infatti, ci parla fin da subito del progetto della band, di quella voglia di raccontare la forza e la potenza, ma anche l'eleganza e la grazia che si celano dietro alle nove tracce di questo album. Inchiostro e una punta di rosso che spezza l'apparente monotonia di un'acquarello in bianco e nero bastano e avanzano a catturare l'attenzione, di certo è una copertina che non passerà inosservata in mezzo ad altre, stupendo proprio per quel suo tratto gentile capace, però, di mirare dritto al cuore.

E al cuore mirano anche le canzoni, un mix perfetto di brani potenti intervallati da pezzi più malinconici, quasi sublimi, che concentrano in loro esattamente quel concept di qui parlavamo prima, un equilibri perfetto di caratteristiche agli antipodi che sanno come fondersi alla perfezione tra loro, creando qualcosa che forse non ci saremmo mai aspettati.

Un esempio tra tutti è "The Frontiersman", brano di circa nove minuti e mezzo, che sembra proprio riassumere nelle sue linee pulite e nella sua estrema musicalità al limite dell'epico, quello che abbiamo detto fino ad ora. E' un vero e proprio racconto, una continua escalation di suoni. La batteria, in particolare nella parte centrale, sembra quasi richiamare un cavallo che corre al galoppo da un guerriero che si appresta ad entrare in battaglia, emergendo da chissà dove proprio là, in un punto indefinito dell'orizzonte, diventando sempre più imponente man mano che si avvicina. Per non parlare poi della chitarra acustica, magnifica nel suo struggente contrappunto alla voce limpida e pulita, perfetta nel suo ruolo di narratrice di una storia che non vorremmo mai si interrompesse.

Non è certo la sola traccia ad impressionare. Spiccano per orchestrazione, uso impeccabile delle chitarre unite ad un'ottima sezione ritmica, brani come "The Icarus Syndrome" e "This is who we are", ma di grande impatto è anche "The Passing", ben congegnata soprattutto sotto il punto di vista emozionale. "The Fire Inside", invece, è sontuosa, potente, estremamente travolgente tanto da non aver bisogno neppure delle parole per essere così maestosa. Ha in sé quel senso di epicità che si riversa anche nel brano conclusivo, "Under an Ancient Sun", quello che forse più di tutti rispecchia alla perfezione l'intento più profondo di questo album e che, forse, ha perfino un legame molto intenso con l'uomo disegnato a china che si lascia alle spalle una palla rosso fuoco proprio come un sole antico.

Come dicevamo non è da tutti riuscire a rivisitare un genere, ma i Damnation Angels ce l'hanno fatta. Il nostro augurio è quello di non smettere mai di stupire.



William Graney- Guitars, Orchestration, Backing Vocals
Per Fredrik "Pelle K" Asly -Vocals
John Graney - Drums

Vetten Äpärät - Sydäntalven Viha recensione singolo

 Sydäntalven Viha

Il 27 Marzo, per Inverse Records, uscirà il primo singolo di una band folk finlandese, i Vetten Äpärät.

Quello che appare subito chiaro già dal primo ascolto è che la musica di questo sestetto affonda le sue radici in quello che è un sound tipico della loro terra, così riconoscibile da creare immediatamente un'associazione diretta nella nostra mente: distese sconfinate di neve gelata, campi di combattimento macchiati del rosso del sangue di antichi condottieri, spiriti irrequieti che volteggiano nell'aria di ghiaccio sotto un celo colorato dal più maestoso spettacolo della natura, l'Aurora Boreale.

Perfino la copertina del disco riassume alla perfezione tutto questo. E' un marchio, una costante, forse perfino una garanzia, la stessa che ritroviamo nella cura dei dettagli di questo singolo, molto ben studiato dal punto di vista musicale, forse un po' meno da quello vocale che sembra essere l'elemento un po' più debole, almeno da questo primo ascolto e, soprattutto, nelle parti melodiche, non certo in quelle più potenti, dove anche la voce esce in tutta la sua potenza integrandosi alla perfezione con la parte musicale, restituendoci un'ottima miscela, orecchiabile e poderosa. 

Le basi ci sono e, trattandosi di un singolo, promettono anche abbastanza bene. Sette minuti molto intensi, incalzanti, coerenti con il progetto della band che ci vuole restituire un racconto perso nel tempo fatto di musica e canto, un po' come se fossero dei bardi che vanno per il mondo a narrare una storia, quella che si è persa tra i fiocchi di neve ed un alito di vento freddo come l'inverno.

Non resta che aspettare questo autunno per sapere se Vetten Äpärät sono davvero quei cantori capaci di dar voce ad una terra che ha fatto della musica uno dei suoi più grandi vanti.


Sami Ferm - Vocals / Flutes 
Aleksi Kulmala - Lead Guitar
Leo Lemmetty - Rhythm Guitar / Backing vocals 
Jarmo Luopa - Bass / Backing vocals 
Irene Penttonen - Keyboard 
Anton Nisonen - Drums

martedì 24 marzo 2015

The Lidocaine: "Chicken Cage di HORROR" - Recensione

The Lidocaine - "Chicken Cage di HORROR"

Release dates:
Finland 20.3.2015

International: 4.5.2015

Tracks list:
01. Chicken Cage of Horror
02. Empty Space (Devil’s Blog)
03. The End of the Beginning or the Beginning of the End
04. Too Late to Escape
05. Fabrication
06. The Onion of Chastity
07. Zest for Life
08. Retrobution
09. Throat of a Monster
10. Voyage of Discovery

Per chi ha avuto modo di ascoltare i primi due album, The Lidocaine sono l’ennesima prova che dalla terra finnica esce sempre qualcosa di interessante. "Chicken Cage of HORROR", infatti, conferma le discrete capacità tecniche e di arrangiamento musicale proposte dal quartetto.

Cavalcando l’insidiosa onda del progressive rock, il terzo album della band di Helsinki può essere paragonato ad un caleidoscopio di suoni e vibrazioni in continua trasformazione, dove impercettibili intrecci elettronici si mischiano alle salde fibre della vecchia scuola rock, trasformando semplici brani come The End of the Beginning or the Beginning of the End, The Onion of Chastity e Too Late to Escape in qualcosa di sorprendente. 

Ma se è la gravitazione delle canzoni verso i due estremi del rock a rendere questo album originale, non possiamo dire altrettanto della voce, il cui vano tentativo di seguire la dinamica tonicità vocale di Serj Tankian (System Of A Down) riduce il tutto a un mero lamento che spacca a metà un lavoro fin qui molto buono.

Non sarà questa la band suscettibile di cambiare la mente dei dissidenti, ma vale lo stesso la pena di tenerli sotto osservazione.


lunedì 23 marzo 2015

Denizen - Troubled Waters Recensione

Troubled Waters   

Release: April 6th, 2015

01 - Teddy Bear
02 - Whoresmoker
03 - Jocelyne
04 - The Waitress
05 - Glassie Lovely Glassie
06 - King Of Horses
07 - Heavy Rider
08 - Time To Leave
09 - Enter Truckman
10 - Moonwalk Blues

Ci sono band intramontabili, gruppi che hanno fatto di un certo tipo di suono il loro marchio di fabbrica, che hanno passato una vita intera a perfezionare una certa tensione ritmica che poi li ha resi famosi, mostri sacri all'interno di un panorama in continuo sviluppo ma che, proprio perché il loro lavoro è stato svolto egregiamente, continua a riempirsi la bocca e le orecchie del loro nome. Sono leggende e, proprio per questo, non possono essere dimenticate, offrendo sempre nuovi spunti di riflessione a chi verrà dopo di loro, accompagnandoli perfino in quel tortuoso e pericoloso cammino che è la musica.

Chi ha deciso di raccogliere la sfida, lasciandosi però tenere per mano da questi mostri sacri in attesa di poter essere abbastanza forti da poter camminare con le loro gambe, sono i Denizen, una band stoner rock proveniente dalla Francia, che con coraggio e grande impeto ha iniziato a seguire quelle orme ben impresse in un terreno pentagrammato fatto di note e ritornelli, con lo specifico intento di fare la differenza, di diventare una di quelle leggende.

Troubled Waters incarna questa voglia di sorprendere e di andare oltre i propri mentori, provando a creare una forte e solida identità in grado di andare ben oltre i confini di genere, al di là di etichette, ma soprattutto capace di imporsi come un progetto autonomo, libero dall'essere accostato a qualsiasi altro nome, così personale da non aver bisogno di alcun paragone con nessun altro.

Già con la prima traccia, Teddy Bear, si ha ben chiaro il progetto dei francesi: creare qualcosa capace di trovare il suo cuore e la sua anima in riff potenti, in soluzioni ritmiche ben precise, distinguibili, in quei motivi che subito possono essere associati ad un gruppo, ad un modo di fare musica, ad una certa estetica che ti definisce, determinandoti.

Ogni brano, quindi, si forgia di queste peculiarità tecniche capaci di richiamare un mondo musicale, nello specifico quello anni '70, che però riesce ad avere echi di notevole modernità, traducendosi in pezzi molto energici potenti, che portano titoli come Jocelyne o Glassie Lovely Glassie, per poi arricchirsi di accenni blues molto interessanti e di grande ispirazione.

Time to Leave è una piccola chicca di poco meno di due minuti, ma che è capace di trasportarci nel vecchi west, tra cercatori d'oro, risse da saloon e duelli nella pubblica piazza senza esclusione di colpi. È quella traccia che non ti aspetti, ma che vorresti durasse molto di più, perché sembra essere quella capace di parlare di un modo realmente al di fuori di generi e di etichette, in grado di adattarsi perfettamente ad un album che, almeno in apparenza, sembra voler parlare d'altro ma che, invece, ha solo la musica come musa ispiratrice.

Ogni brano ha una sua storia, una sua attrattiva. Dovevamo già accorgercene dalla magnifica copertina che, in modo quasi ammiccante e non troppo metaforico, sembrava volerci avvisare di quello che avremmo trovato una volta schiacciato il tasto play del nostro lettore mp3: dieci tracce accattivanti e tecnicamente ben congegnate capaci di prenderci per mano per condurci giù, fin nel più profondo abisso di una musica che continuerà a martellarci nella testa.


Line – Up
Fabien Aletto : Voice
Ludovic Barbiero : Guitar
Andreas Goumy : Drums
Colin Trognée : Bass

sabato 21 marzo 2015

To Kill a Circus - Roll Up Roll Up EP recensione

Roll Up Roll Up

01. Youngest Brother
02. Rise to Power
03. Production Line
04. Roll the Dice

Da Manchester arriva una nuova band che fonde insieme influenze alternative rock ad una spiccata tendenza pop punk. Loro sono i To Kill a Circus, una realtà giovane e con tantissima voglia di mettersi in gioco.

Lo fanno con il loro primo EP, Roll Up Roll Up, un insieme di quattro, interessanti tracce che sfrecciano veloci e molto piacevoli all'orecchio, subito pronto a catturare i ritornelli, facendoci muovere al gradevole ritmo di una musica che sembra raccontarci dei tempi andanti e di una certa scuola.

Youngest Brothers apre accattivante e solida il quartetto di brani, è un'ottima apertura, incisiva e ben costruita. Un inizio con il botto, se così possiamo dire, capace di sondare il terreno e prepararlo al meglio per le tracce rimanenti.

Rise to Power è più tranquilla, così leggera, scanzonata, una sferzata di primavera che sembra quasi portarci sotto un cielo azzurro, creando un modo colorato e divertente, proprio come è alla fine tutto l'intero album che si chiude con Roll the Dice, in perfetta sintonia con le intenzioni di questo EP.

Production Line sembra essere il naturale proseguimento del primo motivo, anche in questo caso è proprio la musica a farla da padrone, con batteria, basso e chitarra convincenti e ben strutturati, davvero ineccepibili.

L'album è frizzante, energico e ha certamente un ottimo potenziale. Se proprio dobbiamo trovare una pecca, forse la voce è meno matura rispetto a tutto quanto il contesto, eppure non stona all'interno di un disco così giovanile e leggero. Resta solo da attendere qualcosa di più corposo e di maggiormente strutturato per sapere se davvero quella stoffa, che pare essere ben evidente in questi quattro brani, sia capace di estendersi ad un progetto più ampio.



Elmo - Vocals
Tom - Bass
Jordan - Guitar
Manc Drummist - Drums

To Purchase:

To LIVE Stream:

venerdì 20 marzo 2015

MAMMOTH MAMMOTH: Volume IV - Hammered Again Recensione

Volume IV - Hammered Again 
Napalm Records 

(Photo credit: Jay Hynes)

Release Dates:
27.03.2015 GAS/AUS/EUROPE
30.03.2015 UK/NO/FR/DK/IT
01.04.2015 SE/ESP
07.04.2015 USA/CAN

Track List:
1.  Life’s A Bitch
2.  Lookin' Down The Barrel
3.  Electric Sunshine
4.  Fuel Injected
5.  Black Dog
6.  Promised Land
7.  Reign Supreme
8.  Sick (Of Being Sick)
9.  Hammered Again
10. High As A Kite
11. Alcohol (Bonus Track)

Avete mai provato a gettare della paprika su un piatto di chili? Ecco questo è per darvi un’idea del suono di questo album.

Se le bollenti fanciulle a mollo nella piscina di “Lookin' Down The Barrel” vi hanno fatto venire l’acquolina in bocca, Volume IV - Hammered Again  sarà un succulento piatto che potrete gustare dopo una fuga in solitaria con la vostra auto o ad una serata travolgente.

Il prossimo 27 marzo, gli australiani Mammoth Mammoth pubblicheranno per Napalm Records  il loro quarto album dimostrando, ancora una volta, di avere le cosiddette “palle”. 

Rispetto al precedente Volume III - Hell's Likely, IV manifesta fin da subito un progressivo sviluppo tecnico, la trasversalità dell'hard rock rompe la monotonia con incisivi riff di chitarra, mentre il basso e batteria, poco inclini a lasciare la prima fila, completano il suono aggiungendo spessore alla proposta. 

Dal punto di vista vocale, Mikey Tucker rivendica il proprio posto a fianco degli antesignani dello stoner metal, con una voce ambiziosa ed audace, capace di riportare i vostri sensi ai tempi in cui i propri ormoni iniziavano a richiede “mille attenzioni”.

Disco da assaporare fino all'ultima nota.




Mikey Tucker - vocalist
Ben Couzens (Cuz) - guitarist 
Pete Bell - bassist
Frank Trobbiani (Bones) - drummer

Officiale Site

Velvet Six Interview

Velvet Six is a dark and charming band with based in Finland.
Their second studio album, "Demons Los Divas” will be released in April 10th 2015 via Inverse Records.
Do you know this band? Here our interview

LFdM: Hi guys! Thanks so much for this chat… and of course special greetings to Finland from Italy!
Thanks for taking your time and giving us the opportunity to be interviewed by you! And thanks for the album review!

Les Fleurs du Mal: Well, we listened to your tracks and we find them really cool. It’s always a pleasure for  “oldie girls” like us reloading our memories with this kind of sound.
You are named along with some of the greatest bands in Finland like HIM, The 69 Eyes and many others that at the end of the 90's set tons of hearts on fire. Why did you choose this style?
We actually didn’t choose this style, it just feels the most natural for us and this style of music gives us the best way to express ourselves through our music. This genre has everything we need to properly be creative, it has heavy riffs, clean parts with lots of melodies and also feelings and emotions are inbedded in the songs.

LFdM: Velvet Six "Demons Los Divas"” is your second  studio album, how would you describe it?
Demons Los Divas is quite a bit heavier and darker than our previous album ‘’Dark city Nightlife’’. The first record was a lot about nightlife and love, while the upcoming album deals with a lot darker themes such as death, demons and the occult. The nightlife is present in the new album too, we feel it’s a part of us so it’s impossible to not include it.

LFdM: After a first listening, despite all that said at the beginning of this chat, "Demos Los Divas" doesn’t look like an ode to “nostalgia”. I find it rather a sort of recognition, like the son that shows with pride the teachings of his father. Could you tell us something more about the soul of this album?
This record was never meant to be nostalgic, as we feel that creating something new and personal is what we live for. Of course we take influences from 80’s bands and we love their sound, but we still feel that it’s utterly important that the album is fresh and at the same time personal.  It’s been four years since we released our first album and under those years we’ve wrote a massive amount of songs and the ten that ended up on the record are the ones with the feeling and atmosphere that matched the theme of the album.

LFdM: In my review I refer about you like fallen angels that affect our everyday life. What kind of answers do you want to give to your audience.  Aren't you afraid that the meaning of your lyrics might be misunderstood by some teens minds?
We consider our music as a form of art and therefore we also encourage people to draw their own conclusions of the lyrics. There is no right or wrong in how to interpret the lyrics, we leave that up to the individual.

LFdM: Many artists observe what surrounds them, in order to find inspiration for their own work.  Is it the same for you?
The biggest inspiration for us comes from the very life we live and what we go through every day. I wouldn’t say that we take a whole lot of inspiration from our surroundings, it’s mostly the ups and downs that life throws before us that awakes our creativity.

LFdM: What is your relationship with the theme of love and death?
The theme of love and death is a lot more present in the upcoming album than in the first one. Love is a fascinating thing as it can drive people to extreme actions and make them totally blind so to speak. Love is also connected to death in a sense, since love can die and what follows after that is an interesting state of mind. Death in itself Is utterly natural but in a way very strange and alien, even though we all have to die someday, we are totally clueless of what happens after we die.

LFdM: What kind of experiences about this can you recall both individually and as a band?
As pretty much everybody, also we have in love and felt it’s energy. All of us have also been affected by death, whether it has been a close ones death, or the end of a period in ones life. Death can have many meanings.

LFdM: What are the musical memories you cherish the most?
We cherish those memories when we’ve seen our favorite bands live and when in a creative process someone comes up with a great melody or idea, and it works perfectly and sounds amazing. That is just overall a great feeling when the musical pieces fall together and you hear the results of hard work.

LFdM: Are you aware that your music is able to gather a lot of crazy young fans, aren't you? What do you see in the future of your band?
We like crazy fans, whether old or young, we appreciate all the support we get.  The future looks bright as of now, we all have a really good feeling about the upcoming album and we wish that we’ll get the opportunity to play the songs to as many people as possible.  We have already started to jam some new tunes for a third album, but it’s impossible to know where that will take us and what themes and atmospheres will be present.

LFdM: Have you ever experienced touring abroad?
We haven’t just yet. We’ve toured a lot here in Finland and it’s one great wish of ours to tour abroad both in Europe, USA and Asia. The whole world in other words.

LFdM: The metalhead is generally pretty conservative on some kind of stuff like "don't touch metal with romantic silly things"  ... Are you metalheads inside?
That depends a lot on the metal head and it is up to the individual to decide what he/she likes or not. There are many mixtures of musical genres so this metal and romantic thing shouldn’t be too odd anymore. And finally yes we are metalheads too, we listen to all kinds of music but we all like good old school metal such as Black Sabbath and Judas Priest.   

Interview by Michela
Edit by Margherita (Meg)

mercoledì 18 marzo 2015

Von Hertzen Brothers: New Day Rising Recensione

Von Hertzen Brothers - New Day Rising

Spinefarm Records

Release date: 20.3.2015

Track list
01. New Day Rising
02. You Don’t Know My Name
03. Trouble
04. Black Rain
05. Hold Me Up
06. Love Burns
07. Dreams
08. Sunday Child
09. The Destitute
10. Hibernating Heart

Cosa intendessero i Von Hertzen Brothers, veterani della scena prog-rock finlandese con New Day Rising, nuovo lavoro in uscita il 20 Marzo per la Universal, non ci è dato saperlo, se non dopo aver ascoltato tutto l'album in questione.

L'aura di positività e la galvanizzante energia vitale che un titolo del genere inevitabilmente ci attendiamo porti con sé, sono chiaramente percepibili sin dall'ipnotico giro di chitarra in apertura della prima track, quella che, non a caso, dà il titolo all'album e vengono confermate dai cori, sempre ben curati e accattivanti, mai banali. Il video di questo pezzo è stato già pubblicato sul canale youtube ufficiale della band e vale la pena darci un'occhiata, specialmente se si è amanti dei vasti panorami nordici o dei transatlantici vichinghi.

"You Don't Know My Name" è un bel pezzo veloce e tirato in cui, però, è stato scelto, probabilmente per creare contrasto, un colore vocale più leggero, delicato, che torna graffiante nel refrain, mentre le chitarre e le tastiere ci catapultano all'indietro negli anni 70'.
"Trouble", dagli accordi iniziali, sembra proprio una ballata in stile Led Zeppelin, ma poi riaffiorano i suoni cupi delle chitarre e del basso, catturando l'attenzione e distraendoci dalla linea melodica che, improvvisamente, viene ripresa dalla delicatezza vocale di Mikko (che mi ricorda quella di Chris Cornell) capace di accarezzare, oltre che graffiare, cosa che fa, in effetti nel ritornello, raggiungendo tonalità di tutto rispetto.
"Black Rain" ci introduce dolcemente al tema del dolore, quello fatto da molti momenti bui. Risalta, anche qui, un certo contrasto tra il contenuto e la forma, per la scelta di linea vocale e arrangiamenti.
"Hold Me Up" somiglia tanto a un inno nel refrain, cosa che, secondo me, la renderà una delle canzoni preferite e più cantate dalla platea durante i live. Molto intrigante "Love Burns", che ha un mood e un appeal che la rendono un po' distaccata dalle tracce precedenti. I cori e la voce di Mikko spiccano per intensità. "Dreams" è subito introdotta da un coretto di "Oh-oh-oh" che rimane piantato nella memoria con la velocità di un lampo. L'atmosfera è vagamente simile a quella dell' indimenticato "Lemon Tree" dei Fool's Garden, tanto per intenderci.
"Sunday Child" ci riporta in un ambiente un po' new age, per effetti e atmosfera, con l'intro strumentale di un minuto in un pezzo che ne dura quasi 7 e che, chiudendo gli occhi, ci fa viaggiare con la mente verso mete lontane, costellate da frammenti in cui si riflettono immagini di cascate, pareti rocciose e foreste verdi e fresche. In effetti ci sentiamo già "exploring the unknown" ancora prima che Mikko apra bocca.
"The Destitute" è tutta cantata a più voci, con cori piuttosto veloci e in tonalità abbastanza alta, caratteristiche che la rendono la canzone più confusionaria dell'intero album, e mi riferisco alla sensazione di confusione e leggero stordimento che potrebbe insorgere nell'ascoltatore, non di certo all'indiscutibile capacità tecnica e compositiva della band.

"Hibernating Heart", giro di chitarra struggente, flauto di Pan lieve, delicato e voce che raggiunge note altissime funge da degna chiusura per un album da ascoltare e riascoltare con la dovuta attenzione; non è fatto per andare a loop nello stereo mentre nel frattempo si gira per casa a ciondolare o con il più nobile intento di riordinare qua e là. Non è un album che può fare da soundtrack alla nostra giornata tipo, poiché necessita di un ascolto in grado di percepirne tutte le mille sfumature, dato che la band stessa mescola sapientemente più generi (classic rock, progressive, folk, punk...) e in quasi ogni pezzo. Quindi consiglierei di metterlo su, con luce soffusa, e di accomodarsi in poltrona.
Della stessa band consiglio vivamente di ascoltare anche gli album precedenti o almeno pezzi come "Coming Home", "Flowers And Rust" e "Angel's Eyes"

Voto: 9/10
Margherita Realmonte (Meg) Les Fleurs Du Mal

martedì 17 marzo 2015

Therapy? Interview

Their new album Disquiet will be released next March 23.
Lead singer and guitarist  Andy Cairns speaks to Les Fleurs Du Mal about it.

Here our "Disquiet" review

LFdM: Good morning Andy, thank you so much for your time!
You  started your career almost thirty years ago: How did you react to the great change in the music biz? Did it affect your songwriting process, somehow?
Andy: The change in the way the music business works has meant that living apart from each other is no longer an obstacle to writing and rehearsing. When the band began years ago we all lived near each other and very close to a rehearsal space so it was easy to get together, share ideas and then shape those ideas into songs. As the years passed the band members moved to different cities (and sometimes different countries) so any getting together involved forward planning and longer periods of time together so we could play our new ideas to one another, digest them and then see if we wanted to take these ideas any further. An unsuccessful session would have meant booking more rehearsal time and with that more trains, flights and studio fees.

With the advent of accessible digital technology we can now record ideas and send them immediately to each other using only our smartphones. By the time we hook up we've had time to listen carefully to each others ideas so we're not starting new sessions from 'scratch'. 

LFdM: In these latest years there's a sort of countertrend which shows a renewed appreciation of those music genres once considered too main stream and  therefore neglected, which now seem to have become worthy of attention. 
I'd like to know your point of view about this, since Therapy? Has always shown a multi-genres kind of style and seemed to like also some elements of pop music 
A: Therapy? have never been shy of listening to, and absorbing, all genres of music. We grew up in Northern Ireland in the 70's & 80's during violent, turbulent times. As a consequence many live bands refused to play, clubs were reluctant to open in certain areas and good independent record stores were scarce.

Out of this drought people who loved music had to make do with what they could get so a gig was a gig to us.  This meant that a lot of us were not so influenced by fashion and genre as other people in big, trendy cities. Myself and my friends could  go and see Metallica, Stiff Little Fingers, The Communards, The Human League, The Smiths, The Fall, Fugazi, Crass and not worry about betraying 'our tribe'. A lot of the more commercial record shops would sell chart singles so we were able to pick up a lot of the mainstream punk and new wave singles on 7"

by Skids, Buzzcocks, XTC, Bauhaus, Vapours, Ruts, Blondie, Stranglers etc.

We picked up on a lot of the melody of these records. We also loved Crass, Dead Kennedys, Birthday Party, etc but these only tended to be available, in limited copies, in specialist shops several miles from where we lived and would involve extra cash spent on buses and trains.

LFdM: For more than ten years you had such a great success, then, all of a sudden, something broke that spell in the middle of 2000. What happened?
A: No idea. I think some of our young fans from 'back-in-the-day' got married or moved on to different, less angry music. The climate had also changed and people were listening to different bands. Music moves in cycles and a few of our older fans are now returning because their kids are at college and they've got free time again!

LFdM: You played many covers, signed by Turbonegro or Joy Division. Is there any song holding a special place in your heart or mind that you would love to cover?
A: I'd love to do a cover of Dark Paradise by Lana Del Rey

LFdM: Some of your supporters since the  90's might have a heart attack listening to your most recent album. How do you think your long time fans will react to "Still Hurts"?
A: Personally, I think they'll love it. It'll be like a strong cup of coffee first thing in the morning. It's got everything they love about Therapy?, riffs, a strong chorus, pissed-off vocals and lyrics about frustration that they can relate to.

LFdM: In my opinion one of your most interesting features has always been trying to capture the widest kind of interests in the audience, winking to various music genres. Can you tell us what are your main modern influences nowadays?
A: As I mentioned earlier, we listen to everything. At the moment our drummer, Neil, is listening to The Bad Plus and Rush, Michael, our bassist, is listening to Viet Cong and Black Metal while i'm listening to deathpunk like Arctic Flowers and Infinite Void as well as some interesting electronic dub by Kahn and Kode 9.

LFdM: As I said before, your style mixes influences by  many music genres, above all grunge, but revised on a more ironic level, as we can get from your latest album. What's the message behind Still Hurts?
A: "Still Hurts" is saying that you may grow older, move house, change job, get a new partner, new life or new body but the dance of words in your head you cannot change. You have to use these words to your own advantage and a good place to start is by acknowledging these words andnot trying to shut them out or shut them up. It's still okay to be angry but keep that anger positive. Stay angry, stay alive.

LFdM: To what extent do you think the music should be ironic?
A: It depends on the music. If it's too ironic it can move from intelligent and knowing style to sarcastic, withering bitterness but if it's too playful it can make the songs seem throwaway. Try not to be a smartass. Nobody likes a smartass.

LFdM: How is it important being in the right place at the right time when making an album?
A: It's 50%. Many albums through history have sunk without trace only to be discovered later on. At times, like Nirvana, it hits at exactly the right second and changes everything for years to come. With our album, Troublegum, we were at the right place at the right time. Guitar music was fashionable and you didn't have to have spikey hair or long hair to play punk or metal anymore.

LFdM: It's been quite a long time you don't play live. Don't you miss the "live" dimension and vibe? Don't you love playing onstage or is it more a matter of choice?
A: I miss playing live madly. We usually play on a regular basis but it's now been a year since we did a show. I'm lucky as i've managed to play a few acoustic dates which helps keep me satisfied, also we've been in the studio recording Disquiet and myself and Michael McKeegan also took our new project, East Antrim, into the studio and recorded an album which we hope to release later this year.

Thankfully in two weeks time from answering these questions we'll be on the road again and i'm really looking forward to it.

LFdM: Insecurity is one of my favourite tracks with Helpless Still Lost: it's Black Sabbath meeting Ian Curtis' ghost?
A: Wow, thank you! That's certainly the vibe we were going for. In fact, I think there are a lot of similarities between Unknown Pleasures and the first Black Sabbath album. They are both very atmospheric albums which have an intensity to them, are close in tone and both have a cold ambience to them. Oh yeah, both sound great in headphones with the lights off too.

LFdM: Can we say "Still Hurts" kind of completes your path in the music field? And if so, to what extent?
A: No way. We've still so much more to do in the coming years and we never know where we're going next.

LFdM: Is there any band (even of the past) you would like to play with in studio or onstage?
A: I would love to see a festival with the following line up
Joy Division
Gang of Four
Killing Joke
The Pop Group
Public Image Limited
The Birthday Party
LFdM: LFdM: Is there any song of yours you loved the most for some reasons?
A: From the old school..Nowhere as it reminds me of all the 7" singles I bought as a kid. From Disquiet I would choose Deathstimate as it's got a bit of the Joy Division/Black Sabbath thing going on.

Thank you very much for this interview and I hope to have the chance to see you performing soon.
A: Same to you! 

Interview by Michela
Edit by Margherita (Meg)