domenica 23 agosto 2015

EISREGEN - Marschmusik Recensione

Release date: 14.08.2015


Tracklist:
1. Marschmusik
2. Blutkreis
3. Bunkertür
4. Leichensack
5. Gott Der Panzer
6. Adlerhorst
7. Fleischbrand
8. Mein Leben Auf Deiner Haut
9. Foltergeist
10. Was Von Dir Bleibt
11. Panzerschokolade
12.Pervertin Peter (So Lang Die Schokolade Reicht)

Nel torbido e maledetto mondo dell’extreme metal, gli Eisregen ci sguazzano alla grande.

Provenienti dalla Thuringia e già autori in passato di album visionari e tormentati, i tedeschi tornano col nuovo capitolo “Marschmusik” che, oltre a celebrare il ventennale della loro carriera, vi catapulterà nel peggiore dei vostri incubi, passando dalla trasposizione cinematografica degli horror movies a qualcosa di ben più bellicoso.

L’intero album è una reinterpretazione visiva e poetica della crudeltà umana, un immaginario orrorifico che pur concentrandosi prevalentemente sulla visione di una paura sempre più tecnologica ed artificiale, rimane fedele all'habitat death metal in cui il fandom del gruppo è abituato a vivere.

Una pioggia di riff a metà tra black e gothic metal corrode l’aria tra accelerazioni e stacchi ritmici che, precisi come lame di rasoio, fendono le tenebre e rovesciano al suolo suoni armonici come un'icona sacra e perversi come i demoni di Dostoevskij.

Quasi sessanta minuti di disturbante discesa nell'immaginario contorto e deviato del leader Michael "Blutkehle“ Roth, che incanta l'ascoltatore per poi divorarlo come una sirena.
 

Una marcia inarrestabile lungo i sentieri impervi del black metal che si tingerà di tinte purpuree. 

7/10
Michela

LINE-UP
M. Roth - Vocals
Yantit - Drums/Programming/Guitars
Peter - 5-String Bass
Froebing - Organ
M. Stock - Lead Guitars


Links:
Official Site 
Facebook