martedì 18 agosto 2015

POP EVIL - "UP" recensione



Release date: 21 Agosto 2015
Label: eOne Music

Tracklist:
01. Footsteps
02. Core
03. In Disarray
04. Take It All
05. Ghost of Muskegon
06. If Only for Now
07. ...
08. Ways to Get High
09. Lux
10. Vendetta
11. Dead in the Water
12. Seattle Rain
13. Til Kingdom Come



I cinque ragazzi del Michigan ritornano in questa lunga estate calda con il classico dei classici, un album fresco ed invitante, sapientemente assemblato grazie all’arte di sapersi guardare intorno e cogliere il meglio delle nuove tendenze.

Una title-track che stuzzica la curiosità, un omaggio ai bellissimi album che padroneggiavano la scena alternative rock dei primi di questo secolo e che sprizzavano energia da tutti i pori.

I melodici stacchi numetal di "Core", o i violenti intermezzi crossover di "Lux" saranno la colonna sonora delle folli corse mattutine lungo le strade ancora deserte, mentre deliziose ballad come "Seattle Rain" potrebbero deliziarvi nel corso di una cena a lume di candela.

Per una generazione che si è ormai perduta nel progresso della tecnologia, UP affonda le unghie nel terreno tirando fuori un passato non troppo lontano - basti pensare a band come Godsmack o Creed per citarne alcune.

Certo, se dovessimo analizzare singolarmente ogni traccia finiremo per parlare di cose già sentite, di capolavoro mancato o di scarsa originalità, ma nell’ingorgo crocieristico di centinaia di album che stanno affollando questo mese di agosto, UP emergerà per il suo carattere ribelle e gigionesco ma allo stesso tempo maturo e consapevole dei propri mezzi.

Non sarà il disco dell’anno, ma i Pop Evil la loro vittoria possono già cantarla.

7/10
Michela




Links:
Official Site 
Facebook