sabato 22 agosto 2015

Vinnie Jonez Band - Supernothing Review

Supernothing

Autoprod/Narcotica

Release: 2015

Tracklist:

01. Rose
02. To the Mountains
03. Delog
04. Into the Sky
05. Bleach





Quando dare un nome al genere diventa difficile, ecco che arriva una band giovane e fresca (oltre che italiana!) a complicare ancora di più le cose perché, si sa, se noi abitanti del Bel Paese non scombiniamo le carte in tavola non siamo contenti: essere classificabili non fa per noi!

Supernothing della Vinnie Jonez Band non è un album stoner, anche se presenta talvolta ritmi lenti, accordature di chitarra gravi e cupe e quella costante presenza di basso che non fa mai male; non è però nemmeno hardcore punk, eppure si possono captare echi di questo genere; forse potrebbe essere considerato alternative rock, la parola alternative sembra essere di gran moda di questi tempi, dà quel tocco un po' particolare ad una produzione, quell'alone di mistero che ben si presta a dissipare ogni dubbio (o forse non fa altro che ingigantirli, ma ehi, è una cosa alternativa, quindi va tutto bene!), ma anche quel tocco sludge che ricorda un po' una New Orleans decadente, rosolata dal sole e intenta a guardare la vita che passa.

Confusi? Bene, era quello che volevo! La descrizione perfetta per questa band e per il loro disco di debutto, non può essere legata a nessun genere in particolare, o forse appartiene a tutti quelli citati: è un turbine di mille input diversi, il succo e la parte più gradevole di ciò che abbiamo tirato in ballo fino ad ora e, proprio come qualcosa che prende a piene mani i pregi tenendo da parte i difetti, è stata fatta davvero molto bene.

Si potrebbe dire che i ragazzi del Lazio si rifanno ai Mastodon; magari chi ama i Deftones potrebbe perfino sentire gli echi della sua band preferita nascosti tra i riff e gli assoli, c'è anche una spruzzata dei Queens of the Stone Age, ma la verità è che la Vinnie Jonez Band è semplicemente se stessa e non potevamo chiedere di meglio.

7/10
Dora




Membri: 
Gianluca GLC - voice and guitars 
Marco - guitars 
Ludovico - bass 
Andrea - drums