venerdì 18 agosto 2017

GlerAkur - The Mountains Are Beautiful Now

"The Mountains Are Beautiful Now"

Release Date: 21 July, 2017


Country: Iceland

Style: Atmospheric Doom

Tracklist:
1. Augun Opin
2. Can’t You Wait
3. Fagurt Er A Fiollum Nuna
4. Hallalone
5. Strings






E' difficile descrivere la musica Islandese cercando di evitare i soliti luoghi comuni o le consuete citazioni.
Elvar Geir Sævarsson forse c’è riuscito. Ascoltando il suo disco mi sono immersa nei paesaggi multiformi di questa terra, che va dai dolci pendii verdi a distese senza fine di sabbia nera. Ed è proprio attraverso queste note così dense che ho trovato la spiritualità giusta per descrivere un lavoro di un’artista che da opera per pochi eletti, è divenuta arte a tutti gli effetti.

The Mountains Are Beautiful Now nasce dalle acque ribollenti dei vulcani, una proposta interamente strumentale che veste i panni del metal melodico la mattina e quello di uno scintillante prog rock la sera, in un susseguirsi di armonie misteriose e dissonanti, tratteggiate unicamente dalle magiche orchestrazioni del maestro GlerAkur
Una composizione di così rara bellezza mai si era udita nel mondo musicale moderno.  Lo spettacolo teatrale già concepito per l’orchestra 'Fjalla-Eyvindur og Halla', oggi diventa un album che ridefinisce il concetto di musicista e strumento in una esplosione di semplicità che si allontana a grandi falcate dal virtuosismo musicale proposto da molti artisti della scena locale.

Onestamente non so quanto della sua volontà di descrivere l’essere umano ed il suo universo circostante riuscirà a penetrare le nostre menti, senza dubbio questo album provocherà una tempesta emozionale che andrà ben oltre l'estasi.

8/10
Michela (Anesthesia)

CRADLE OF FILTH – le date del tour europeo, il nuovo video trailer, e live Q&A


Le leggende britanniche del metal estremo CRADLE OF FILTH hanno pubblicato un nuovo video in cui il cantante Dani Filth parla della composizione e delle registrazioni dell’attesissimo dodicesimo album in studio ”Cryptoriana - The Seductiveness Of Decay”, in uscita il 22 settembre su Nuclear Blast.


La band inoltre annuncia le date del tour europeo a inizio 2018, con i leggendari MOONSPELL come ospiti speciali.

CRADLE OF FILTH
MOONSPELL
18.01. CZ Prague, Roxy
19.01. CZ Ostrava, Garage
20.01. SK Bratislava, MMC
21.01. HU Budapest, A38
23.01. PL Krakow, Kwadrat
24.01. PL Warsaw, Progresja
25.01. PL Gdansk, B90
27.01. DE Leipzig, Hellraiser
28.01. DE Berlin, C-Club
29.01. DE Hamburg, Grünspan
30.01. DE Bremen, Schlachthof
01.02. NL Tilburg, 013
02.02. NL Haarlem, Patronaat
03.02. DE Osnabrück, Hyde Park
04.02. DE Cologne, Essigfabrik
06.02. DE Bochum, Zeche
07.02. DE Frankfurt, Batschkapp
08.02. DE Nürnberg, Hirsch
09.02. DE Saarbrücken, Garage
10.02. CH Pratteln, Z7
12.02. IT Milano, Live Club
13.02. IT Bologna, Zona Roveri
14.02. FR St. Etienne, Le Fil
15.02. ES Barcelona, Salamandra 1
16.02. ES Madrid, Penelope
18.02. FR Limoges, CC John Lennon
19.02. FR Paris, La Machine Du Moulin Rouge
20.02. FR Lille, Le Metaphone
21.02. FR Besancon, La Rodia
23.02. DE Stuttgart, LKA Longhorn
24.02. DE TBA
25.02. AT Dornbirn, Conrad Sohms
26.02. AT Wien, Simm City
27.02. DE München, Backstage Werk
01.03. BE Vosselaar, Biebob
02.03. DE Flensburg, Roxy
03.03. DK Odense, Posten
04.03. NO Oslo, Vulkan Arena
05.03. SE Stockholm, Fryshuset Klubben
07.03. FI Helsinki, Nosturi
08.03. RU St. Petersburg, Aurora Concert Hall
09.03. RU Moscow, Yotaspace

Stasera dalle 21 alle 22 il chitarrista Richard Shaw risponderà in diretta alle domande che i fan gli porranno attraverso la pagina Facebook dei CRADLE OF FILTH: www.facebook.com/cradleoffilth

www.cradleoffilth.com
www.facebook.com/cradleoffilth
www.nuclearblast.de/cradleoffilth

Auðn unleash first track of forthcoming album


AUÐN are unveiling the first atmospheric track taken from their forthcoming album 'Farvegir Fyrndar', which is scheduled for release on November 10th. The song "Í Hálmstráið Held" is now streaming via Metalitalia

AUÐN comment: "We are ecstatic to present 'Í Hálmstráið Held' to you, the first track taken from our new album, which is entitled 'Farvegir Fyrndar'. We feel that this song represents our record very well as it points into the direction, which we are striving for. 'Í Hálmstráið Held' retains the atmosphere of our previous release, but sounds both more aggressive and melodic at the same time. We are taking things a step further and hope that you will join us!"

AUÐN furthermore release the artwork of 'Farvegir Fyrndar' (created by Víðir Mýrmann Þrastarson)

On further news, AUÐN have announced a European tour together with label mates THE GREAT OLD ONES in support of GHAALS WYRD. A full list of confirmed dates can be found below

AUÐN
+The Great Old Ones +Ghaals WYRD
01 Dec 17 Bochum (DE) Matrix
02 Dec 17 Vosselaar (BE) Biebob
04 Dec 17 Toulouse (FR) metronum
05 Dec 17 Madrid (ES) Chango
06 Dec 17 Barcelona (ES) boveda
07 Dec 17 Marseille (FR) Jas Rod
09 Dec 17 Bologna (IT) Alcemica Music Club
10 Dec 17 Zürich (CH) Werk 21
12 Dec 17 München (DE) Backstage
13 Dec 17 Wroclaw (PL) Firlej
14 Dec 17 Erfurt (DE) From Hell
15 Dec 17 Berlin (DE) De Mortem Et Diabolum

AUÐN Festivals
16 Dec 17 Eindhoven (NL) Eindhoven Metal Meeting 2017
30 Mar 18 Oslo (NO) Inferno Festival 2018
For all its beauty, Iceland can be a sinister place where furious elements rage teaching fear but also inspiring human creativity. Hailing from the village of Hveragerði in the south of the volcanic island, AUÐN are the latest offspring from the burgeoning black metal scene in this land of ice and snow to set their dark sails for foreign shores.

With their second full-length, 'Farvegir Fyrndar' (literally meaning "Ancient Riverbeds" – with a long tail of untranslatable subtext), AUÐN continue their fast ascent. Unlike the majority of their blackened brethren from the country's capital Reykjavik, this young band does not base its sound more or less on DEATHSPELL OMEGA worship, but rather reaches back to a more classic second generation black metal approach for inspiration.

AUÐN deliver haunting melodies and beautifully frozen atmospheres – as opposed to the jarring and caustic blunt force trauma that has brought this remote place in the Northern Atlantic to the black metal forefront of late

Founded in the bleak winter of 2010, AUÐN's talent was quick to be recognised. The band got invited to Iceland’s main metal event, the Eistnaflug Festival and won the local Wacken Metal Battle contest in 2016, while making it to the top 3 at the main event. Performances at the prestigious Inferno and Roadburn Festivals followed in 2017.

With 'Farvegir Fyrndar', AUÐN not only demonstrate the impressive progress of their songwriting skills but also deliver a clear definition of their very own black sound. Warning: this album grows with every spin and will take a long time to even come close to any limit!

Line-up
Aðalsteinn Magnússon - guitar
Andri Björn Birgisson - guitar
Hjalti Sveinsson - vocals
Hjálmar Gylfason - bass
Sigurður Kjartan Pálsson - drums

MOONSPELL - UNVEIL FIRST DETAILS ABOUT UPCOMING ALBUM!

[pic by Paulo Mendes]

Portugal's Dark Metal pioneers in MOONSPELL are finally back with a brand new and hotly anticipated album, titled '1755'. Set to be released on November 3rd 2017 on Napalm Records, this record will outclass all standards you have ever heard from MOONSPELL before!

From the first second the conceptual dramaturgy MOONSPELL have created feels like a detonation of the mind. '1755' is more than just the band's new magnum opus: It's the musical version of the year of horror where a giant earthquake wrecked their home Lisbon. Naturally this album comes and is sung in Portuguese. The album, produced by Tue Madsen ( (Meshuggah, The Haunted, Dark Tranquility, Dir En Grey, Die Apokalyptischen Reiter ) also features Paulo Bragança, supplying a hauntingly voice of a Fado fallen angel who is a big part of the Portuguese culture. His fascinating vocals are featured in "In Tremor Dei" (eng.: "Fear Of God").
Now the band fronted by the soul of dark art and visionary Fernando Ribeiro unveiled first details about '1755' and unleash the stunning cover artwork as well as the album track list!

[ cover artwork by: João Diogo]
Says Fernando:
I have been fascinated with Portuguese history since I can remember. The year of 1755 marked the birth of a new Portugal. Much more than just the greatest natural disaster ever to occur on European soil, the great Lisbon Quake, shockwaves can not be reduced to a dramatic death toll. From absolute tragedy, a new city was born, giving way to a new time where Portuguese relied more on themselves than on the crown or the cross, granting us, much of the city, the lay country, the free will that we enjoy today. This is not just another album from us. It’s a musical and lyrical History document, a homage we pay to our legacy and to the amazing skills and resilience of our fellow Portuguese back then, of all mankind when brought down to the knees by the violent forces of Nature and Reason. Whatever is, is right... yet the earth shakes."
The track list of '1755' will read as follows:
1. Em Nome Do Medo
2. 1755
3. In Tremor Dei ( featuring Portuguese guest vocalist Paulo Bragança! )
4. Desastre
5. Abanão
6. Evento
7. 1 De Novembro
8. Ruínas
9. Todos Os Santos
10. Lanterna Dos Afogados

'1755' is a dark adventure in medieval landscapes - emotionally, technically and completely earthshaking! 

In support of MOONSPELL's upcoming release, the band will be heavily hitting the road this year!

Make sure to catch the masters of dark art on the following dates:
17.08.17 DE - Dinkelsbuehl / Summer Breeze
19.08.17 PT - Góis / Concentração Internacional de Motos de Góis
23.08.17 PT - Corroios / Festas de Corroios
02.09.17 DE - Markneuenkirchen / ReeveLand Festival
09.09.17 DE - Santarém / Parque da Ribeira
10.09.17 IT - Milano / Metalitalia Festival 2017
30.10.17 PT - Lisbon / Lisboa Ao Vivo (Special album release show)
31.10.17 PT - Lisbon / Lisboa Ao Vivo (Special album release show)
01.11.17 PT - Porto / Hard Club (Special album release show) 
03.11.17 ES - Santiago / Malatesta
04.11.17 ES - Bilbao / Santana 27
05.11.17 ES - Valencia / Rock City
06.11.17 ES - Barcelona / Salamandra
07.11.17 ES - Zaragoza / CC Delicias
08.11.17 ES - Madrid / Sala Caracol


mercoledì 16 agosto 2017

Freight Train - I

"I

Release Date: on 14 July 2017


Country: Italy

Style: AOR/Melodic Hard Rock

Track List:
1. The beginning
2. You won't fall
3. Into the fire
4. Another chance
5. Here I am
6. Somewhere, Someday
7. The Prelude 
8. Reach for the stars
9. Any Way You Want It [Journey Cover] 
10. Into the fire [Acoustic Version ]


Mai prima d’ora si era respirato tanto AOR nell'aria, e la sensazione è tanto più piacevole perché questo vento spira dal nostro paese. I Freight Train sono una giovane scommessa giocata sul tavolo verde dell’hard rock melodico nel 2015, ma con il loro album di debutto "I" oggi offrono una moderna rivisitazione del genere. Elementi canonici come un'ampia dose di cori e tastiere, infatti, sono capaci di compiere un vero e proprio salto nel passato ma anche di lasciar scivolare lontano ogni accenno di nostalgia.
Il nutrito nucleo di musicisti affila i propri strumenti con precisione chirurgica, alternando brani più accattivanti in chiave radiofonica (You Won’t Fall) ad episodi trascinanti dal sex appeal hard blues (Here I Am e Somewhere, Someday).
Come accennato, splendida è la simbiosi tra chitarre e tastiera, mentre le ritmiche tengono salde le redini dei brani e le backing vocals regalano slancio all'eccellente performance del cantante Ivan Mantovani.

I Freight Train forse non saranno destinati a cambiare la storia del rock, ma la consistenza di questo debutto la dice lunga sulle potenzialità delle nuove leve AOR, alla faccia di chi indossa da oltre trent'anni la solita maglietta logora dei Journey.

7,5/10
Michela (Anesthesia)

Line Up:
Ivan Mantovani – Vox
Enrico Testi – Guitar & Vox
Anton Bagdatyev – Keyboards & Vox
Lorenzo Pucci – Bass & Backing vocals
Andrea Cappelletti – Guitar
Mattia Simoncini – Drums

lunedì 14 agosto 2017

COMEBACK KID - parlano dei testi di "Outsider" nel nuovo trailer


La migliore band hardcore/punk canadese, COMEBACK KID, ha pubblicato un nuovo trailer nel quale il cantante Andrew Neufeld parla dei testi del nuovo atteso album "Outsider". VIDEO

Inoltre la band ha annunciato il tour da headliner negli US a Ottobre con il supporto di BURN e JESUS PIECE. 



sabato 12 agosto 2017

UNVEIL FIRST SINGLE AND LYRIC VIDEO! Brand new album 'Deep calleth upon Deep' To Be Released September 22nd!


Black metal legends SATYRICON have revealed their highly anticipated ninth studio album, 'Deep calleth upon Deep' is set for release on 22nd September on Napalm Records. The opus will be available in digital format, CD digipak and gatefold vinyl options and is now available for pre-order HERE!

Now the iconic duo fronted by visionary Satyr has unveiled a lyric video for the album title track and first single from the band's upcoming masterpiece. Satyr informs us:
It was not easy to chose a song to represent this album as they are all so different. I consider them all to be a group of individuals with strong and unique personalities and together they make the album «Deep calleth upon Deep".

The title track is the only song we’ve done with baritone and regular guitar all the way through the song. I felt it was needed for the tonal depth I was looking for and to enhance the swing of the groove in the heavier parts. It also has mellotron, cello, violin and backing vocals by classical singer Håkon Kornstad where the cello supports the baritone guitar and the mellotron, violin and the backing vocals provide air and width to the sound. Consider it a journey, play it loud, close your eyes and head into the forest. That’s what I do.“ 

The single 'Deep calleth upon Deep' is now available for digital download and streaming on: http://radi.al/DeepCallethUponDeep

Watch SATYRICON's brand new lyric video right HERE!

Árstíðir sign to Season of Mist


Season of Mist are proud to announce the signing of ÁRSTÍÐIR. The eclectic Icelandic independent / folk rock act will release their much anticipated next album through Season of Mist in 2018.

The band comments: "We have admired bands associated with Season of Mist for years. In our minds, this label represents quality and artistic integrity. It has that aura which tells you that it is all about the music, that the bands are the real deal, and not just grist to the grinding mill of commercial music. And that is the kind of label, you want your music on. We feel a kinship with the good people and artists at Season of Mist, and we are proud be a part of this family."

ÁRSTÍÐIR have emerged from the burgeoning Icelandic music scene in 2008, when the three founding members coming from different genres discovered their mutual love for vocal harmonies. Daniel, Gunnar and Ragnar quickly went from playing acoustic cover versions to their own sonic footprint amalgamating influences from classical, folk, rock, and minimalist music into something quite unique, which might be carefully dubbed "Icelandic independent".
With early lyrical references pointing towards the spectacular nature and scenery of this volcanic island and the strongly contrasting moods of its seasons, the band took the name ÁRSTÍÐIR, which means "seasons" in their native Icelandic tongue.
At home, the band experienced a fast rise. Only four months after their conception, ÁRSTÍÐIR had risen from performing in a coffee shop in Reykjavik to scoring a number one hit on national radio with the track "Sunday Morning".
The Icelanders published their eponymous debut, 'Árstíðir' in summer 2009, and while their home country was reeling from the market crash, the bands stocks went up. During the air traffic disrupting eruption of the Eyjafjallajökull volcano. a first international tour started that led to ÁRSTÍÐIR continuing to tour relentlessly over the next years and gather a dedicated fan base in more than 30 countries.
Their second album, 'Svefns Og Vöku Skil' followed in 2011 and only a year later, the Icelanders won the prestigious Eiserner Eversteiner European Folk Music Award in Germany. While on the road in Germany in 2013, a friend of ÁRSTÍÐIR recorded an impromptu performance of the old Icelandic hymn, "Heyr Himna Smiður" in a train station, which went viral on YouTube and has attracted more than 6 million views by now.
Backed by global interest sparked by this viral hit, ÁRSTÍÐIR continued their head-lining tours and furthermore supported Swedish band Pain of Salvation and Dutch vocalist Anneke van Giersbergen.
ÁRSTÍÐIR launched a highly successful crowdfunding campaign in 2014 to finance the recording of their third full-length 'Hvel', which translates as "spheres" and following its release, the band embarked on a first US tour that reached from coast to coast.
A collaboration with Anneke Van Giersbergen followed in 2016. The album, 'Verloren Verleden' contains a collection of re-imagined traditional and classical songs.

Currently, ÁRSTÍÐIR are working on their forthcoming fourth album, which will be released through Season of Mist worldwide in 2018.

Line-up
Daniel Auðunsson: guitar, vocals
Gunnar Már Jakobsson: baritone guitar, vocals
Ragnar Ólafsson: piano, vocals

giovedì 10 agosto 2017

PORTO LIVE METAL FEST 2017

PORTO LIVE METAL FEST 2017
Piazza delle Feste – Porto Antico di Genova 
29 luglio 2017

Live e photo report a cura di Andrea

Una bella iniziativa promossa da Black Widow RecordsTruck Me HardCDM-Città della Musica e Cornucopia Agency, in collaborazione con Ernyaldisko, ha finalmente portato un festival metal di livello internazionale in una città simbolo della musica italiana. La cornice della pittoresca Piazza delle Feste, progettata come tutta l'area circostante dall'architetto di fama mondiale Renzo Piano, ha visto esibirsi cinque bands molto diverse tra loro, ma accomunate da un'esibizione energica che non ha fatto rimpiangere il prezzo (comunque molto popolare) del biglietto. Una vetrina che avrebbe meritato una partecipazione di pubblico (intorno alle 350 unità) molto più numerosa, anche se tutti i presenti si sono fatti sentire nonostante il caldo africano. Purtroppo le beneamate Ferrovie dello Stato mi hanno impedito di assistere al concerto dei genovesi Bellathrix, che mi è stato descritto come una buona mezz'ora di heavy metal tradizionale e all'insegna del più puro intrattenimento. Entro nell'arena quando anche l'esibizione dei Blue Dawn sta volgendo al termine, ma bastano un paio di brani del loro doom rock sperimentale, tra Black Sabbath, Motörhead e Celtic Frost, per apprezzare il contributo del chitarrista/tastierista Davide Bruzzi (Il Segno Del Comando) ad un sound magmatico e affascinante. Tra gli ospiti esteri della manifestazione, i francesi Northwinds si presentano sul palco forti di un disco bellissimo come “Eternal Winter”, ma il doom metal melodico ed epico del quartetto forse renderebbe meglio in un contesto più intimo, dove il batterista Sylvain Auvé non sia costretto a sforzare la voce mentre tiene il tempo alla perfezione. Gli alessandrini Mortuary Drape, dopo aver doppiato la boa del trentennale di attività, è ancora una macchina da guerra di odio e misantropia. Il loro black metal occulto e chiuso quasi ermeticamente a passaggi melodici sembra persino

smuovere l'afa intorno a noi, dando prova di tecnica chirurgica e professionalità estrema (è proprio il caso di dirlo!). Pur essendo praticamente da sempre la punta di diamante della scena metal locale, i Sadist non suonavano live a Genova da ben dieci anni, periodo in cui il celeberrimo gruppo progressive death metal deve aver accumulato una rabbia enorme. Il cantante Trevor è una furia capace di usare anche l'ironia quando serve, mentre i suoi compagni ridicolizzano tecnicamente la maggior parte di bands straniere molto più fortunate a livello commerciale (soprattutto il leader Tommy Talamanca, sempre un fenomeno quando si tratta di suonare chitarra e tastiere contemporaneamente). A furor di popolo, chiudono la serata i norvegesi Arcturus, maestri indiscussi del black metal sinfonico e avanguardista. L'eco dell'ultimo capolavoro “Arcturian” non si è ancora spenta, infatti i musicisti si presentano con lo stesso look steampunk, mentre il cantante ICS Vortex sembra visibilmente alticcio. Niente che pregiudichi una performance pazzesca, quasi da tenore lirico, per quanto un po' statica come d'altronde il resto del gruppo. Il catalogo degli Arcturus viene saccheggiato per oltre un'ora e mezza, lasciando il pubblico soddisfatto di un festival eccellente che mi auguro potrà essere replicato l'anno prossimo!

Evento Facebook

mercoledì 9 agosto 2017

IMPURE WILHELMINA - Radiation

"Radiation" 

Release date: on 7th July 2017

Label: Season of Mist 

CountrySwiss

Style: Dark music

Tracklist:
01. Great Falls Beyond Death
02. Sacred Fire
03. Child
04. Torn
05. We Need A New Sun
06. Meaningless Memories
07. Bones And Heart
08. By Ravens And Flies
09. Murderers
10. Race With You


Si viene sempre pervasi da un senso di alienazione quando ascoltiamo certi dischi. L’infuso di dark music con gocce di doom metal ha un potere soggiogante e terapeutico al tempo stesso.

Gli svizzeri Impure Wilhelmina, forti della loro preparazione tecnica, hanno completato la loro sperimentazione concentrando in queste dieci tracce il loro inconfondibile suono che trascende la sottile linea rossa tra rock e metal oscuro. Uno squisito avanguardismo che pare muoversi con estrema disinvoltura tra le nevrosi del post punk ed i brevi intermezzi melanconici che si ergono con potenza sui terreni ancora inesplorati del post-metal. 
Alcune tracce vengono alleggerite con pennellate fluo dark wave che in pochi minuti si disfanno dei riff di chitarra taglienti o delle suprema gesta di batteria, per dare vita ad una sequenza di note insaziabili di synth e campionature da far sembrare "Radiation" l’equivalente sonoro di un dipinto di Mirò.

Per quanto ancora torrida, anche questa estate non potrà sottrarsi dall'avvolgente abbraccio dell'oscurità.

7.5/10
Michela (Anesthesia)

Line-up:
Michael Schindl – voce, chitarra
Diogo Almeida – chitarra
Sebastien Dutruel – basso
Mario Togni – batteria


TANKARD – ecco l’artwork di "Schwarz-weiß wie Schnee"


Due mesi fa, le leggende del thrash tedesco TANKARD hanno suonato l’inno dell’Eintracht Frankfurt club ‘Schwarz-weiß wie Schnee’ dinanzi a 30.000 tifosi, prima del calcio d’inizio della finale di coppa tra l’Eintracht Frankfurt e il Borussia Dortmund all’Olympic Stadium di Berlino.

Di recente la band ha annunciato una nuova versione dell’EP "Schwarz-Weiß wie Schnee" (sold out da oltre dieci anni). L’EP verrà pubblicato in CD e vinile 7” il 15 settembre su Nuclear Blast.

Oggi viene svelata la copertina dell’EP, disegnata dal fumettista Michael Apitz, le cui strisce sono state pubblicate per anni sul giornale dello stadio Eintracht Frankfurt.

I pre-ordini dell’EP sono attivi QUI

L’inno dell’Eintracht, che è stato suonato allo stadio per dieci anni prima di ogni partita dell’Eintracht Frankfurt, è stato ri-registrato dalla band. Per l’occasione i thrasher sono stati accompagnati da Henni Nachtsheim (Badesalz), Ande Werner (Mundstuhl) e Roy Hammer (Roy Hammer & Die Pralinées) ai cori.

La tracklist dell’EP è la seguente:
1. Schwarz-weiß wie Schnee (Studioversion 2017)
2. Forza SGE
3. Schwarz-weiß wie Schnee (1999er Version)
4. One Foot in The Grave
5. A Girl Called Cerveza
6. (Empty) Tankard (live, 2016)

Le leggende del thrash metal tedesco TANKARD hanno pubblicato il loro diciassettesimo album in studio “One Foot In The Grave” il 2 giugno su Nuclear Blast Records. Grazie all’enorme supporto della sua leale schiera di fan, il gruppo è entrato nella classifica tedesca al 26° posto, registrando così il miglior risultato mai ottenuto in tutta la propria carriera.
“One Foot In The Grave” è disponibile sia in formato fisico http://nblast.de/TankardOFITGNB che digitale http://nblast.de/TankardDigital

“One Foot In The Grave” è stato registrato al Gernhart Studio (Troisdorf, Germania) con il produttore Martin Buchwalter (DESTRUCTION, SUIDAKRA) a gennaio 2017.

L’artwork è stato realizzato da Patrick Strogulski, allievo di Sebastian Krüger, l’artista che si è occupato di molte copertine dei TANKARD. Sue sono quelle di “A Girl Called Cerveza” e “R.I.B.”.


CRACKHOUSE svelano la copertina e la tracklist del nuovo album


I Doom Sludgers francesi CRACKHOUSE svelano l'artwork della copertina e la tracklist del nuovo album, fatto di tre lunghi pezzi con potenti riff e intense sonorità. 

“Be No One. Be Nothing” è il naturale seguito dell'acclamato ep "Crackhouse", e cattura il meglio della band con un sound paragonabile ai lavori di SUMA, DOPETHRONE e BONGRIPPER.

CRACKHOUSE “Be No One. Be Nothing” sarà pubblicato in CD/DD da ARGONAUTA Records e sarà disponibile dal 6 Ottobre 2017. 

I preordini iniziano QUI

Tracklist:
I . Burden
II . Harva
III . Realm


ENSLAVED – annunciano il nuovo album.


I norvegesi ENSLAVED hanno annunciato la pubblicazione del nuovo epico album in studio il 13 ottobre 2017. Il loro quattordicesimo capolavoro fotografa una band libera da qualsiasi barriera di genere musicale e offre una miscela senza precedenti di prog, metal estremo e shoegaze in otto brani che superano la durata di un’ora. Intitolato “E”, il disco nasce ancora una volta dalla sacrilega alleanza tra il chitarrista Ivar Bjørnson (musica, testi) e il cantante/bassista Grutle Kjellson (testi) e introduce il nuovo tastierista Håkon Vinje, alle prese anche con le voci pulite. Mixato e masterizzato ai Fascination Street Studios dal rinomato Jens Bogren, “E” inaugura una nuova era per gli ENSLAVED. La copertina è stata ancora una volta dipinta a mano dall’artista norvegese Truls Espedal. In questo viaggio coraggioso il quintetto è stato accompagnato da diversi ospiti nelle canzoni 'Hiindsiight' e 'Feathers Of Eolh', tra cui Einar Kvitrafn Selvik (WARDRUNA), il flautista Daniel Mage e il sassofonista jazz Kjetil Møster.

Il frontman Ivar spiega così il titolo:
"Il concept dell'album si lega sia al significato di una lettera nell'alfabeto latino sia alle rune: la runa ‘Ehwaz’, che è raffigurata come una ‘M’ quando viene disegnata. Infatti le rune sono disegnate per assomigliare al loro significato letterale. ‘Ehwaz’ (pronunciato e usato come una ‘E’, ma disegnata come ‘M’) significa e assomiglia a ‘Cavallo’. Il suo significato esoterico è ‘fiducia’ e ‘cooperazione’: uno dei più profondi legami dell’uomo primitivo con le entità ‘esterne’ è quello con il cavallo. Quando essi furono addomesticati e utilizzati, deve essere nata la nozione di un legame esoterico tra i due. Abbiamo potuto muoverci rapidamente, scappare più velocemente e persino mangiare e bere dall'animale (sia il latte del cavallo che il suo sangue), e naturalmente vantarci con i nostri nemici e coetanei di possedere i cavalli più spettacolari.
Quindi, no, non si parla di cavalli, ma delle simbiosi che ci circondano; quali sono vitali per la nostra esistenza e il nostro sviluppo - in tutte le scale: uomo e nave (per esempio il cavallo, sì), una persona e il proprio partner, figlio e genitore, musicista e strumento, caos e ordine, subconscio e conscio, Odino e Sleipnir - saggezza e comunicazione. Ci sono molti livelli e varianti di questo concetto nell'album. La dualità dell'uomo e della natura, le personalità presenti e passate all'interno di un sé, la paura cosciente e la spinta subconscia. E altre simbiosi ancora".

I pre-ordini del disco sono attivi sia in formato fisico che digitale 

Tracklist:
01. Storm Son (10:54)
02. The River’s Mouth (5:12)
03. Sacred Horse (8:12)
04. Axis Of The Worlds (7:49)
05. Feathers Of Eolh (8:06)
06. Hiindsiight (9:32)
Bonus tracks available on the digipak:
07. Djupet (7:39)
08. What Else Is There? (Röyksopp cover) (4:44)

Il primo singolo 'Storm Son' verrà pubblicato venerdì!

Gli ENSLAVED saranno in Italia il 30 novembre al Circolo Colony di Brescia.


lunedì 7 agosto 2017

ALAZKA pubblicano il nuovo video di ‘Ghost’


La band commenta: 'Ghost' è uno dei nostri singoli più immediati. Il suo messaggio è molto semplice. Se il passato ti insegue come un fantasma, molto probabilmente è perchè non riesci a lasciarlo andare. Dobbiamo dare un secondo sguardo e cercare di abbracciarlo per liberarcene e andare avanti." 

Guarda la premiere su Alternative Press QUI
Acquista la canzone QUI
Pre-ordina "Phoenix" QUI

La band ha recentemente annunciato il tour da headliner in Europa per Settembre 2017. Saranno supportati dall’alternative rock/metal band svedese Imminence e dai nuovi arrivati sulla scena Pop Punk, Across The Atlantic.

Gli ALAZKA hanno commentato: “Siamo più che emozionati di presentarvi finalmente in questo tour il nuovo album “Phoenix”, non vediamo l’ora di rivedere qualche viso familiare e speriamo anche qualcuno nuovo! Siamo molto felici di portare con noi gli IMMINENCE e gli ACROSS THE ATLANTIC, due band di talento e piene di energia! Vi mostreremo quello su cui abbiamo lavorato per tutto questo tempo!”

Gli ALAZKA sono:
Tobias Rische | voce
Kassim Auale | voce
Dario Sanchez | chitarra
Marvin Bruckwilder | chitarra
Julian Englisch | basso